ChateXpert
I nostri servizi di Community: videochat, forum, registrazione, ricerca prfili con foto.

chat
videochat
ingresso Community
ricerca profili
il mio profilo
registrati
forum
fotoguestbook
regolamento
siti amici

Servizi gratuiti per Webmasters

crea la tua chat
Login Webmaster
free forum
free guestbook
free newsletter
help-faq

Servizi professionali per le aziende.

LiveHelp chat
premium chat
Community engine
referenze
chi siamo
dicono di noi
assistenza online


34.405 ragazze in chat
51.608 ragazzi in chat
84.075 webmasters
45.317 chat rooms



Segui Chatexpert su Facebook!

Home » Forum » I vostri INCONTRI ??? » MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANA 2 la conseguenza


 
I vostri INCONTRI ???
mirea
Inviato il 01/12/2012 21.56.04
  conseguenza...

1 dicembre 2012

Oggi mi trovo indagato per vilipendio dallo stesso Signore poc'anzi citato.

Signor Presidente, le riporto il testo dell'articolo 31, il quale lei dovrebbe conoscere a memoria: <<Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.
La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.>>

Signor Presidente, mio padre mi ha insegnato la coerenza, e mia madre l'onestà, oggi, le dirò esattamente quello che penso….

Caro Presidente, mi ritornano in mente le sue bellissime parole: "Servono i sacrifici di tutti perchè la crisi non degeneri, non è più accettabile che preziose risorse e capacità umane restino compresse da vecchi privilegi, protezionismi a senso unico; e per ciò necessario che i sacrifici li vengano fatti da tutti".

Signor Presidente, cosa intendeva con l'ultima parte del suo discorso "e per ciò necessario che i sacrifici li vengano fatti da tutti"?

Perché fino ad oggi gli unici che hanno fatto sacrifici siamo noi comuni cittadini, i quali lottiamo ogni mese per arrivare alla fine del mese, dato che i suoi uomini, ad oggi, non hanno rinunciato ad alcun privilegio.

Signor Presidente, non si offenderà mica se mi permetto di elencargliene alcuni:

Caro Presidente: un comune politico prende € 7.264,54 al mese.
Mentre un comune cittadino € 1.200 "se gli va bene".

Caro Presidente: un comune politico ha il "rimborso" spese affitto di € 2.900,00 al mese, cioè non paga alcun tipo di affitto.
Mentre un comune cittadino deve pagare il mutuo per 40 anni circa € 700 al mese.

Caro Presidente: un comune politico matura la pensione minima di € 3.000 al mese, lavorando non più di "30 mesi".
Mentre un comune cittadino matura la pensione di € 1.300 al mese, lavorando "SOLAMENTE 41 anni".

Inoltre voglio ricordarle che LEI come i suoi uomini, usufruite di ulteriori benefici:

TELEFONO CELLULARE Gratis
TESSERA DEL CINEMA Gratis
TESSERA TEATRO Gratis
TESSERA AUTOBUS Gratis
METROPOLITANA Gratis
FRANCOBOLLI Gratis
VIAGGI AEREO NAZIONALI Gratis
CIRCOLAZIONE AUTOSTRADE Gratis
PISCINE E PALESTRE Gratis
FERROVIE DELLO STATO Gratis
AEREO DI STATO Gratis
AMBASCIATE Gratis
CLINICHE Gratis
ASSICURAZIONE INFORTUNI Gratis
ASSICURAZIONE MORTE Gratis
AUTO BLU CON AUTISTA Gratis

Signor Presidente, questa si chiama "INCOERENZA"... siete delle persone senza alcuna vergogna, dignità, coscienza, siete solamente delle persone prive di ogni buon senso, che parlate, parlate ed ancora parlate, ma che alla fine? nulla fate di ciò che avete detto…

Signor Presidente, sono felice di essere indagato per vilipendio; sa il perché?
Perché così avrò l'opportunità di farle sapere ciò che penso PERSONALMENTE di tutti voi…

Attendo con piacere, che le autorità competenti mi comunichino il procedimento che c'è in atto nei confronti.

<<<Messaggio per gli iscritti: Colgo l'occasione per salutare tutta la gente che mi ha letto in questi 4 anni: Mi ha fatto un immenso piacere, essere riuscito a comunicare a tutti voi; mi ha fatto piacere essere riuscito ad entrare nel cuore di ognuno di voi; mi ha fatto piacere leggere le vostre storie; mi ha fatto piacere avervi conosciuto anche se virtualmente, ognuno di voi mi ha trasmesso qualcosa di unico e prezioso.>>>

Ricordatevi: Chi non conosce la verità è uno SCIOCCO, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un DELINQUENTE... Andrea.

UFFICIALMENTE MI VERGOGNO DI ESSERE CITTADINA ITALIANA E NON DICO ALTRO

Bulbo
Inviato il 01/12/2012 22.11.20
  Vedrei piu' appropriato questo titolo
MI VERGOGNO CHE LEI CARO PRESIDENTE SIA ITALIANO COME ME.

opsoR
Inviato il 01/12/2012 22.26.23
  beh sino a non molto tempo fa era un "T--->no Russo".....(da URSS...era quella la loro vera autentica patria---l'Italia era solo un optional casuale....:-)))

delfina
Inviato il 02/12/2012 12.31.58
  magariiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
prendessi 1.200 euro al mese sarei contenta
e poi e poi epoi
telefono me lo pago e non faccio chiamate x cose inutili
autobus 300 euro e non se può + scaricalo dal 730 dall'anno scorso
aereo mai preso
cinema seeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
teatro men che meno
mutuo grazie al cielo finito 2 anni fà ma.........................che stretta di cintura
che alòtro dire?????????
provate voi politici a vivere con 1.000 euro che ne pensate
seeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee lassamo stare
ultimo pensione
forse tra 9 anni ma.......................non ce credo ++++++++++++++++++++++

Salve
Inviato il 02/12/2012 23.29.11
  Concordo con Bulbo.
Mirea, DEVONO vergognarsi ben altri personaggi e non solo di essere Italiani ma di rimanerci in Italia, sfregiandola giorno dopo giorno, portando le persone comuni all'esasperazione, come chi ha ha scritto il suo dopotutto pacato pensiero per trovarsi poi indagato per vilipendio. Mi chiedo, ma Di Pietro che ne ha lanciate ben di peggio a Napolitano, non viene mica denunciato, lui sì, per ripetuto vilipendio? Come mai?
La risposta ce la dà quanto successo con Sallusti. Abbiamo visto fin dove può arrivare la "giustizia". Se ad essere diffamato (e poi neanche da Sallusti direttamente) fosse stato un comune cittadino invece di un magistrato, il PM che ha messo sotto processo Sallusti non credo sarebbe stato così celere e letterale nell'applicazione della legge sulla diffamazione a mezzo stampa. Un comune cittadino non può esprimere il suo sdegno nei confronti del capo dello stato, un politico sì: due pesi e due misure? cittadini di serie A e cittadini di serie B?
Io le chiamo prove tecniche di regime. SI VERGONGINO E SE NE VADANO FUORI DAL NOSTRO PAESE! e che mi denuncino pure a me, più siamo meglio è.

mirea
Inviato il 03/12/2012 20.38.29
  aggiungo anke questa notizia xche' ,purtroppo questa e' la realta' delle cose:

Accade nel tuo paese.

Ore 14.45 Simply Market Sma di corso Matteotti Seregno:
il suo nome Giulio F.

Giulio è uno dei 3 milioni di disoccupati che abbiamo in Italia, colto dalla disperazione commettere una rapina… Il suo bottino? un panino con il prosciutto.

Si avete letto benissimo, Giulio non ha mai avuto nulla a che vedere con la giustizia, è incensurato, eppure oggi è entrato all'interno di un supermercato, e per la fame ha divorato un panino con il prosciutto...

Il gesto di Giulio, non è passato inosservato agli occhi dell'addetto al servizio di sicurezza; il quale ha chiamato all'istante i carabinieri.
Quando i carabinieri del radiomobile della compagnia di Seregno sono arrivati in corso Matteotti, hanno raccolto tutte le testimonianze del caso.

L'uomo è finito anche a processo. Davanti al giudice, come davanti ai militari, ha dimostrato una grande dignità.

Non ha raccontato dettagli personali, come particolari difficoltà economiche o di un impossibile gestione familiare, ma nel suo abbigliamento e nel suo stato era chiaro che non stesse vivendo un periodo roseo della sua vita.

Fattori che hanno portato il giudice a condannarlo per via direttissima per rapina impropria, ma la pena è stata sospesa e lui è in stato di libertà.

Cari amici, il gesto di questo ragazzo della provincia di Milano è solo il simbolo di una parte dell'Italia che è ridotta veramente in situazioni economiche drammatiche, in totale dissonanza con il denaro pubblico sprecato e male usato, denaro pubblico che potrebbe essere messo a disposizione di quelle povere persone che non hanno cosa mangiare all'ora dei pasti.

I nostri rispettosissimi governanti, riescono a vedere l'enorme disparità di trattamento, e l'enorme ingiustizia di tutto questo?

A cura di: Andrea Mavilla
dal web

la lontra
Inviato il 04/12/2012 6.53.26
  Ciao mirea..io sto' cercando di approfondire in merito al cambiamento in questo paese..e a chi potrebbe essere davvero interessato a portare avanti l'idea di una probabile sovranita' monetaria..io sono la prima che potrebbe tranquillamente fottersene alla grande ma nn riesco a far finta di niente,,Davanti la casa di mio marito da circa un mese c'e' una coppia che nn ha una casa...e dorme in macchina....(in tutti questi anni per quanto mi riguarda e' uno scenario che nn mi era mai capitato di vedere..)In contrapposizione a questa situazione alquanto grave direi...(e credo sia una delle tante..)..c'e' sempre gente che nn rinuncia a sky..che ha i cellulari all'avanguardia..che pensa sempre e continuamente al sesso..tipo fissazione..(perché la fissazione a volte e' peggio della malattia..)..Allora ho pensato sara' un modo per nn pensare ai guai..alle problematiche che si propongono quotidianamente...in merito alle tasse da pagare e tutto quello che ne concerne..Fatto sta' mirea che io volevo trascorrere la fine dell'anno in maniera differente..(visto che il 31 lo abbiamo trascorso come consuetudine in casa con amici)..insomma volevo prenotare il 31 e giorno 1 fuori..nn allontanandomi di parecchio dalla mia citta'..Signori siamo all'inizio di dicembre e fino ad ora ho trovato tutto prenotato..(..ci aggiriamo intorno alle 150 euro a persona..minimo e i bambini pagano con sconti irrisori..)..C'e' qualcosa che mi [email protected][email protected]

http://www.youtube.com/watch?v=BXV2uWuHnHc

mirea
Inviato il 06/12/2012 17.14.16
  Avevo davvero riposto in lei la mia fiducia, credevo che fosse una persona per bene, che difendesse la nostra Costituzione. Credevo che quei valori, di cui tanto parla, fossero davvero radicati in lei e fossero il punto di riferimento per ogni sua azione, per ogni sua decisione. Credevo che avrebbe scelto la vita e non la morte.. E invece ha firmato la nostra condanna. La condanna di una città sacrificata da anni in nome del profitto più squallido e criminale, abbandonata nelle mani di una famiglia di imprenditori senza scrupoli, plurindagati e pluricondannati e tutt’oggi agli arresti domiciliari o addirittura latitanti. Come credere ancora nello Stato italiano? Come credere nella politica e in chi dovrebbe difendere e promuovere il bene comune e invece ci ha rubato anche il diritto alla vita?

A Taranto c’è un’ordinanza del sindaco che vieta il pascolo entro un raggio di non meno di 20 chilometri attorno all’area industriale, ma in quei 20
chilometri noi ci viviamo, vivono i nostri bambini. Le pecore e le capre sono state uccise, ora lo Stato uccide anche noi… per decreto. Ho bisogno di sapere da lei, signor presidente, cos’hanno di diverso i bambini di Genova rispetto ai nostri. Perché lì l’area “a caldo” è stata chiusa in quanto incompatibile con la città, e la produzione spostata a Taranto? Chi ha compiuto il “miracolo” rendendola “compatibile”?

Venga qui, venga a visitare i nostri bambini devastati dal cancro (e non solo), li guardi negli occhi e sostenga il loro sguardo, se ci riesce, gli spieghi perché lo Stato ha preferito darli in pasto al Mostro, quel mostro che ha distrutto il nostro mare, violentato la nostra terra, insozzato il nostro cielo. Dica alle loro mamme che la malattia e la morte del figlio è necessaria, altrimenti cala il Pil.

(Tonia Marsella, lettera al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, diffusa il 4 dicembre 2012 dal comitato ambientalista “Donne per Taranto” e ripresa integralmente dal sito de La7).





 



Tutti i diritti sul sito, sui servizi e sui software di questo sito sono di proprieta' di SOSTANZA® Web Services & Intranet Tools.
E' vietata la riproduzione, la duplicazione, il reverse engineering e l'uso di chat-client non autorizzati. privacy e cookie policy






Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social e per analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Ulteriori dettagli    CONSENTI