ChateXpert
I nostri servizi di Community: videochat, forum, registrazione, ricerca prfili con foto.

chat
videochat
ingresso Community
ricerca profili
il mio profilo
registrati
forum
fotoguestbook
regolamento
siti amici

Servizi gratuiti per Webmasters

crea la tua chat
Login Webmaster
free forum
free guestbook
free newsletter
help-faq

Servizi professionali per le aziende.

LiveHelp chat
premium chat
Community engine
referenze
chi siamo
dicono di noi
assistenza online


34.390 ragazze in chat
51.584 ragazzi in chat
79.424 webmasters
45.314 chat rooms



Segui Chatexpert su Facebook!

Home » Forum » I vostri INCONTRI ??? » licenziamento per riduzione personale


 
I vostri INCONTRI ???
Laura
Inviato il 13/07/2009 11.49.08
  Buongiorno, vorrei porre delle domande per una questione abbastanza incresciosa. Ho lavorato per 7 anni come impiegata in una ditta con contratto a tempo indeterminato, dopo 2 mesi di cassa integrazione insieme ad altri 29 colleghi (tra operai e impiegati) oggi l'azienda ha consegnato le lettere di licenziamento per riduzione del personale, senza preavviso perchè non si è raggiunto l'accordo con CGIL. volevo chiedere:
1) ci sono criteri di legge che stabiliscono chi deve rimanere e chi deve uscire? (mio padre operaio da 27 anni lì è fuori e altri assunti da poco sono dentro)
2) impugnando il licenziamento insieme ai miei colleghi ho qualche possibilità di avere un risarcimento/incentivo?
3) se impugno mi spetta la liquidazione ugualmente o devo aspettare l'esito dell'impugnazione?

Grazie mille

Laura

ciccinapopo
Inviato il 13/07/2009 14.06.38
  Ciao Laura,
la questione che poni è un licenziamento collettivo, che, in base alle poche informazioni che dai, sembrerebbe assolutamente legittimo (purtroppo),
la risposta alla prima domanda è si, I criteri per individuare i lavoratori da licenziare sono dettati dai contratti collettivi o, in mancanza, dalla legge 223/1991, la quale detta il seguente elenco:
-carichi di famiglia
-anzianità di servizio
-esigenze tecnico-produttive e organizzative
chiaramente i primi criteri a cui devi fare riferimento sono quindi quelli indicati dal contratto collettivo nazionale applicato al rapporto di lavoro che sta cessando;
Per quanto riguarda la seconda domanda, come ti dicevo sopra la tua azienda effettuando un licenziamento collettivo su 29 soggetti (quindi più di 5) ed in seguito ad una breve cassa integrazione, sembrerebbe aver percorso la via giusta, sempre ammesso che tale riduzione di personale sia giustificata da una ragione tecnico organizzativo produttiva dell'azienda (ad esempio soppressione di un ramo d'azienda, esternalizzazione di un'attività ecc.) se questi dettami sono stati rispettati dal datore di lavoro, non avrai diritto a nessun risarcimento perchè il licenziamento è legittimo, inutile quindi anche un ricorso;
Infine, la liquidazione è un diritto assoluto e indipendentemente dall'impugnazione del licenziamento, non dovrai attendere la fine d un eventuale giudizio.
Ciao spero di averti aiutato un pochino...

Djaboljka
Inviato il 13/07/2009 14.15.06
 
CITAZIONE (ciccinapopo del 13/07/2009 14.06.38):



Sono orgogliosa della mia avvocatessa!!!brava cicci!!!smackkk

Sil
Inviato il 13/07/2009 14.17.30
 
CITAZIONE (Laura del 13/07/2009 11.49.08):

1) ci sono criteri di legge che stabiliscono chi deve rimanere e chi deve uscire? (mio padre operaio da 27 anni lì è fuori e altri assunti da poco sono dentro)
2) impugnando il licenziamento insieme ai miei colleghi ho qualche possibilità di avere un risarcimento/incentivo?
3) se impugno mi spetta la liquidazione ugualmente o devo aspettare l'esito dell'impugnazione?

Grazie mille

Laura


...Non siete iscritti ad un sindacato che vi tuteli e porti avanti le vostre istanze?
Nelle sedi sindacali, a disposizione dei cittadini, esistono figure garanti dei diritti: avvocati - esperti in diritto del lavoro - che, gratuitamente, prestano la loro opera.
Buona fortuna.

Sil
Inviato il 13/07/2009 14.20.03
 
CITAZIONE (ciccinapopo del 13/07/2009 14.06.38):



Brava ciccina bella^^

LuKa
Inviato il 13/07/2009 15.29.16
  bè cara laura questa è l'italia del caz.... benvenuti ( è un manicomio l'economia )

maya
Inviato il 13/07/2009 17.12.40
  cicciiiiiiiiiii belllaaaaaaaaaaaa!! brava la mia Piercosa!!!!:D

ciccinapopo
Inviato il 13/07/2009 22.19.16
  Azie Azie ....
ti devo far vedere la foto mayaaaaaaaaaaaaaaaaaa ma ndo stai

dicolamia
Inviato il 13/07/2009 22.24.02
 
CITAZIONE (Sil del 13/07/2009 14.17.30):

...Non siete iscritti ad un sindacato che vi tuteli e porti avanti le vostre istanze?
Nelle sedi sindacali, a disposizione dei cittadini, esistono figure garanti dei diritti: avvocati - esperti in diritto del lavoro - che, gratuitamente, prestano la loro opera.
Buona fortuna.


i sindacalisti non fanno un bel niente..purtroppo
(almeno da me)
e quest'anno hanno anche aumentato la tassa portandola a 50€
tra l'ennesimo prolungamento della cassa integrazione
e voci su una possibile richiesta di mobilità (x la seconda volta)
loro non ci facevano mai sapere niente
(tramite assemblee, come dovrebbero fare)
e noi (io e molti miei colleghi, col cavolo che abbiamo pagato!

Genio
Inviato il 13/07/2009 22.56.52
  Non conosco il caso specifico ma mi permetto di dire la mia in maniera più generalistica, le aziende quando sono costrette a fare tagli non gli fa dicerto piacere ed il perchè è semplice:

meno lavoratori = meno profitti

se un azienda è costretta a licenziare per cattiva gestione e perchè si assume un cattivo amministratore ( nei casi minori ) e disolito i cattivi amministratori sono proprio vicini ai sindacati... l'altro caso patologico (nella maggioranza dei casi) sono i dipendenti che chiedono, vogliono diritti, vogliono questo, voglio quello e vogliono anche non far nulla.

questo tema mi manda proprio fuori di cervello e mi crea rabbia dentro, SE TU VALI NESSUNO MAI TI CACCERA', solo un idiota lo farebbe e se sei dipendente di un idiota ti è andata anche bene perché in quella azienda non farai mai carriera...

terzo altro caso ancora più semplice e terra terra degli altri due, non c'è lavoro, non ci sono soldi, i clienti non pagano e i fornitori non consegnano... cosa volete fare... stare a guardare il cielo mentre il vostro capo ( che ha famiglia come voi ) altri vostri colleghi ( che hanno famiglia come voi ) vedono sprofondare un azienda nella marea dei debiti solo perchè tutti vogliono uno stipendio.

W LA MERITOCRAZIA

ribadisco che questo non è un attacco rivolto a nessuno ma solo un invito a pensare e cercare di capire anche le esigenze degli altri e non ad essere sempre egoisti.



 



Tutti i diritti sul sito, sui servizi e sui software di questo sito sono di proprieta' di SOSTANZA® Web Services & Intranet Tools.
E' vietata la riproduzione, la duplicazione, il reverse engineering e l'uso di chat-client non autorizzati. privacy e cookie policy






Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social e per analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Ulteriori dettagli    CONSENTI